FileLock

filelock icona applicazioneQuesto prodotto è relativo alla sicurezza.

Immaginate che Alice voglia condividere un file con Bob particolarmente riservato. Alice e Bob abitano a migliaia di km di distanza e non possono incontrarsi di persona, quindi devono usare i servizi online per potersi scambiare il file.

Le soluzioni praticabili sono moltissime: Alice può spedire il file attraverso la posta elettronica, oppure potrebbe caricarlo su di un sito web e dare il link (riservato) a Bob o, ancora, potrebbe utilizzare dei servizi Cloud (come Dropbox) che consentono di condividere cartelle e file con altri utenti. Ognuna di queste soluzioni può diventare sicura circa il trasferimento, infatti il provider dei vari servizi potrebbe usare la crittografia punto-a-punto per garantire che non ci siano trasferimenti di files in chiaro. Un ipotetico “man-in-the-middle” non potrebbe spiare il contenuto del documento.

Tuttavia ci potrebbe essere un ulteriore problema: il provider, in certi contesti, è egli stesso un man-in-the-middle: se Alice, ad esempio, carica su Dropbox il file è molto probabile che, nonostante il trasferimento cifrato, il deposito del file nei server sia effettuato in chiaro. Teoricamente chiunque che abbia un accesso alle cartelle come amministratore potrebbe accedere ai documenti, violando la riservatezza tra Alice e Bob (questo scenario è, ovviamente, più “catastrofico” della realtà). Questo problema, però, si può risolvere se Alice cifra il file prima di depositarlo nella cartella condivisa con Bob facendo così in modo che nemmeno il provider del servizio possa accedere al documento.

Questo piccolo applicativo che ho sviluppato nei primi mesi del 2018 serve proprio a questo: cifrare un singolo file (di qualunque dimensione) scegliendo una password da condividere con gli interlocutori per poterlo decifrare. Non scenderò nei dettagli tecnici di come il file venga criptato, ma è stato usato il cifrario AES (con chiave da 256 bit) in modalità CFB.

L’applicativo è stato sviluppato in Java ed è stato testato sia su Windows che su MacOS X. È stato comunque sviluppato per funzionare anche su Linux. L’unico prerequisito è che l’utilizzatore abbia installata la JDK versione almeno 8.

Cliccando qui potrete scaricare il file .jar da utilizzare per cifrare i vostri files.

 

N.B. L’applicativo è in grado di cifrare qualunque tipologia di file, quindi è buona norma mantenere l’estensione originale nel nome del file di output aggiungendo .fl quando lo si cifra (e togliendo quest’ultima estensione quando lo si decifra).

I commenti sono chiusi